Progetto emergenza calamità naturali

Progetto emergenza terremoto 2009

Nel 2009, Fondazione ANDI è stata molto vicina alla popolazione abruzzese colpita dal sisma. Subito dopo il terremoto ha dato vita a due unità mobili dove tantissimi odontoiatri volontari hanno potuto curare i pazienti bisognosi. In un secondo momento, ha aiutato i professionisti aquilani che avevano perso il proprio studio, creando un ambulatorio all’interno del quale è stato progettato anche un reparto per le cure in sedoanalgesia, in favore di pazienti non collaboranti. La struttura è stata dedicata al collega dentista Dante Vecchioni, perito durante il terribile sisma. Nel 2014 Fondazione Andi ha firmato con San Patrignano un accordo per il trasferimento di tutte le attrezzature dall’ambulatorio “Dante Vecchioni” alla comunità di recupero che ha potuto così ampliare l’area odontoiatrica del centro medico.

 

Progetto emergenza terremoto 2012

A seguito del terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna, ma anche parte del Veneto e della Lombardia, Fondazione ANDI, in collaborazione con le Sezioni ANDI presenti nei territori colpiti, si è immediatamente attivata per offrire soccorso alle popolazioni interessate. Sono state circa 13.000 le persone sfollate, costrette a vivere nelle tendopoli organizzate dalla Protezione Civile. Il progetto “Emergenza terremoto 2012” si è articolato in 4 aree di intervento:

  • Una raccolta fondi a sostegno degli sfollati.
  • Il reperimento di dentifrici e spazzolini presso molte aziende produttrici che si sono rese disponibili. I kit d’igiene orale sono stati distribuiti nelle tendopoli.
  • Il reclutamento di dentisti volontari. A poche ore dalle prime scosse, Fondazione ANDI ha diffuso un appello urgente di ricerca dentisti volontari tra gli associati, i medici disponibili si sono recati nelle zone terremotate per offrire gratuitamente la propria opera professionale. Inoltre, in collaborazione con Rotary International AIO e AUSL Modena, è stata allestita una tenda per le emergenze odontoiatriche a Finale Emilia.
  • Un aiuto ai colleghi colpiti dal sisma. Sono stati circa 40 gli studi dentistici che hanno subito danni seri. Fondazione ANDI, in sinergia con ANDI Nazionale, si è attivata per aiutare i colleghi a riprendere al più presto la loro attività professionale, potendo contare anche sulla generosità di alcune aziende del settore.