Gentili Colleghi,

l’avvicinarsi del Santo Natale ci porta a ripercorrere con la memoria i giorni dell’anno che ormai sta finendo, spingendoci a riflettere su quanto abbiamo vissuto e realizzato e a condividere insieme la speranza per i giorni a venire.

 

Quello che si sta chiudendo è stato un anno positivo per i tanti progetti realizzati ma soprattutto perché fatto di partecipazione e condivisione da parte dei molti di voi che, in modi diversi, si sono attivati per la nostra Fondazione. Oltre a quanti hanno dato disponibilità per diventare volontari nei diversi ambiti, voglio ringraziare chi, in questo difficile anno, ha dato il proprio contributo spendendosi sul territorio per organizzare eventi a sostegno dei nostri progetti, chi ci ha consentito di far conoscere la Fondazione, chi ci ha sostenuto, anche economicamente, devolvendo il proprio compenso da relatore per i nostri progetti. Chi, ancora, nel corso dell’emergenza legata al terremoto in Emilia Romagna, ha messo a disposizione il proprio tempo o ha contribuito alla raccolta di materiali e prodotti per colleghi e cittadini sfollati. Chi ha donato il proprio 5×1000 per sostenere il nostro impegno, chi ha già scelto, o sceglierà, per questo Natale di fare un dono solidale con la nostra iniziativa “Un mondo di sorrisi”.

 

È in segno di ringraziamento per tutte queste persone che voglio condividere un piccolo, enorme, gesto di riconoscenza che ci ha riempito il cuore. È la lettera della signora Angela, mamma di un ragazzo gravemente disabile della provincia di Salerno, che recentemente si è dovuta scontrare con la difficoltà, in questo caso drammatica, di dover sottoporre un figlio non collaborativo a cure odontoiatriche urgenti. Questa mamma si è rivolta a noi per chiederci un aiuto e l’abbiamo messa in contatto con il dott. Francesco Colace (componente del Comitato Tecnico di Fondazione ANDI) , il collega che con la sua disponibilità e la sua professionalità è stato in grado di curare il ragazzo entrando in rapporto con lui ed evitandogli così il ricorso all’anestesia totale. Un esempio ancora una volta di come noi dentisti in ambiti libero professionali siamo in grado di attuare prestazioni  non solo di grande valore professionale ma anche etico e umano.

 

A tutti voi e alle vostre famiglie  l’augurio per un Natale sereno e per un nuovo anno ricco di soddisfazioni e, perché no, di gioia.

 

Il Presidente

Giovanni Evangelista Mancini

 

natale 2 Gentili Colleghi,