post 15 ottobre Denti sensibili

Denti sensibili

Cosa sono i denti sensibili?

Avere denti sensibili può significare qualsiasi cosa, da una leggera fitta a un grave disagio che può continuare per diverse ore.  Può anche essere un segnale di avvertimento precoce di problemi dentali più gravi.

 

Chi soffre di denti sensibili?

Molte persone soffrono di denti sensibili e può iniziare in qualsiasi momento.  È più comune nelle persone di età compresa tra 20 e 40 anni, sebbene possa interessare le persone nella prima adolescenza e quando hanno più di 70 anni. Le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite rispetto agli uomini.

 

Quali sono le cause dei denti sensibili?

La parte del dente che possiamo vedere ha uno strato di smalto che protegge la dentina più morbida al di sotto. Se la dentina è esposta, un dente può diventare sensibile.  Questo di solito accade quando il dente e la gomma si incontrano e lo strato di smalto è molto più sottile.  Ecco alcune cause di sensibilità:

  • Spazzolare troppo forte (“abrasione dello spazzolino da denti”) e spazzolare da un lato all’altro, può causare lo smalto da indossare, in particolare dove i denti incontrano le gengive. La dentina appena esposta può quindi diventare sensibile.
  • Erosione dentale : si tratta della perdita di smalto dei denti causata da attacchi di acido da cibi e bevande acidi. Se lo smalto viene consumato, viene esposta la dentina sottostante che può portare a sensibilità. Le gengive possono recedere naturalmente (restringersi all’indietro) e le radici dei denti verranno esposte e possono essere più sensibili.  Le superfici radicolari non hanno uno strato di smalto per proteggerle.
  • Le gengive possono recedere naturalmente (restringersi all’indietro) e le radici dei denti saranno esposte e possono essere più sensibili. Le superfici radicolari non hanno uno strato di smalto per proteggerle.
  • Malattia gengivale : un accumulo di placca o di tartaro può indurre la gengiva a ritirarsi lungo il dente e persino a distruggere il supporto osseo del dente. Possono formarsi delle tasche nelle gengive attorno al dente, rendendo difficile pulire l’area e peggiorare il problema.
  • Macinatura dei denti: questa è un’abitudine che prevede il serraggio e la digrignatura dei denti. Ciò può causare lo smalto dei denti, rendendoli sensibili.
  • Un dente rotto o riempimento: un dente rotto è uno che si è rotto.
  • Sbiancamento dei denti: alcuni pazienti hanno sensibilità per un breve periodo durante lo sbiancamento o in seguito. Ne parli con il tuo dentista prima di sottoporsi al trattamento.

 

Quando è più probabile che i denti siano sensibili?

È più probabile che tu senta la sensibilità quando bevi o mangi qualcosa di freddo, dall’aria fredda che ti prende i denti, e talvolta con cibi o bevande caldi.  Alcune persone hanno sensibilità quando hanno cibi e bevande dolci o acidi.  Il dolore può andare e venire, con alcune volte peggiore di altre.

 

C’è qualcosa che dovrei evitare se ho i denti sensibili?

Potresti scoprire che bevande calde, fredde, dolci o acide o cibi come il gelato possono suscitare sensibilità, quindi potresti volerli evitare.  Se hai sensibilità quando ti lavi i denti con acqua fredda dal rubinetto, potresti dover usare invece acqua calda.  È importante continuare a lavarsi i denti regolarmente: in caso contrario, il problema potrebbe peggiorare.

 

Devo andare a trovare il mio dentista?

Sì, se hai provato a trattare i denti sensibili per alcune settimane e non hai avuto miglioramenti.

 

Quali trattamenti può offrire il dentista?

Durante un esame il dentista ti parlerà dei tuoi sintomi.  Guarderanno i tuoi denti per scoprire cosa sta causando la sensibilità e per trovare il modo migliore di trattarla.  Il team odontoiatrico può trattare i denti colpiti con speciali prodotti “de-sensibilizzanti” per alleviare i sintomi.  Gel, risciacqui o vernici al fluoro possono essere applicati su denti sensibili.  Questi possono essere dipinti sui denti ad appuntamenti regolari a una o due settimane di distanza, per creare una protezione.  La sensibilità può richiedere del tempo per risolversi e potrebbe essere necessario avere diversi appuntamenti.  Se il problema persiste, il team odontoiatrico potrebbe sigillare o riempire intorno al collo del dente, dove si incontrano il dente e la gengiva, per coprire la dentina esposta.  In casi molto gravi potrebbe essere necessario riempire le radici del dente.

 

C’è qualcosa che posso fare per trattare i denti sensibili a casa?

Esistono sul mercato molte marche di dentifrici realizzati per alleviare il dolore dei denti sensibili.  Dovresti usare il dentifricio al fluoro due volte al giorno per lavarti i denti.  Puoi anche strofinarlo sulle aree sensibili.  Questi dentifrici possono richiedere da alcuni giorni a diverse settimane per avere effetto.  Il tuo dentista dovrebbe essere in grado di consigliarti su quale tipo di dentifricio sarebbe il migliore per te.

 

 Come posso prevenire i denti sensibili?

  • Lavati i denti l’ultima cosa di notte e almeno un’altra volta durante il giorno, con dentifricio al fluoro contenente almeno 1350 ppm (parti per milione) di fluoro. Prendi in considerazione l’uso di un dentifricio appositamente progettato per i denti sensibili.  Usa piccoli movimenti circolari con un pennello a setole medio-morbide.  Cerca di evitare di lavarti i denti da un lato all’altro.
  • Cambia lo spazzolino ogni due o tre mesi o prima se si consuma.
  • Non spazzolarti subito dopo aver mangiato: alcuni cibi e bevande possono ammorbidire lo smalto dei denti, quindi lascialo per almeno un’ora prima di lavarti.
  • Assumi cibi zuccherati e bevande gassate e acide, meno spesso. Prova ad averli solo durante i pasti.
  • Se digrignate i denti, parlate con il vostro dentista se dovreste avere un paradenti da indossare di notte.
  • Se stai pensando di sbiancare i denti, parla della sensibilità con il tuo dentista prima di iniziare il trattamento.
  • Visita il tuo dentista regolarmente, tutte le volte che lo consigliano.
Related Post